Home » Bellezza » Estate, “bufale” dimagranti dal caffè verde ad acai

Estate, “bufale” dimagranti dal caffè verde ad acai

Quest’anno il protagonista è il caffè verde, alimento pubblicizzato come «potente brucia grassi». Ma sono molti gli aiuti di moda che, di volta in volta, focalizzano l’attenzione dei aptiti della dieta: le bacche di acai, il gambo di ananas, estratti di frutti esotici o più casalinghe diete monotematiche: da quelle del limone a quella del minestrone fino alla banana o le sempreverdi iperproteiche.

2206398847.2

E’ questo il periodo d’oro delle bufale dimagranti. Chimere che, però, non rappresentanola soluzione ideale per ritrovare e mantenere la forma fisica. «A perdere peso in genere è il portafogli e non mancano i rischi per la salute», avverte il nutrizionista Giorgio calabrese dell’università di Alessandria.

Per dimagrire realmente, spiega l’esperto, «serve perdere grasso, mentra nella maggior parte dei casi con qeuste sostanze ciò non accade».«Chi usa i diuretici perde acqua, chi usa le diete iperproteiche perde massa muscolare e acqua, così come chi punta su un’alimentazione monotematica». Il segreto per ridurre il grasso, invece, «è mangiare un po’ di tutto, in quantità minori ovviamente. Se noi vogliamo davvero dimagrire – aggiunge Calabrese – dobbiamo raggiungere un giusto rapporto tra zuccheri e grassi introdotti».

Non esistono cibi miracolosi in grado di far scendere l’ago della bilancia, avverte il nutrizionista. «Diete che puntano su un solo alimento, su una sostanza o su una riduzione esagerata di nutrienti sono sbagliate. Tutti gli aiuti naturali propostipartono da principi della fitoterapia. La maggior parte sono a base di carciofo, cumino, finocchio, tarassaco. Si tratta di sostanze che possono anche far notare una riduzione di peso della bilancia, perché permettono di perdere acqua, ma non si è effettivamente dimagriti. E i chili tornono rapidamente»

Estate, “bufale” dimagranti dal caffè verde ad acaiultima modifica: 2017-01-21T21:00:06+00:00da valentino775
Reposta per primo quest’articolo
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento